Olio extravergine di oliva Sicilia

Azienda agricola TENUTA COLLOTTA

Marmellata di arancia di Sicilia

 

Marmellata di arancia siciliana
Marmellata di arancia BIO

 

 

 < Torna al catalogo delle marmellate e delle confetture

 

 Una buona marmellata di arance non è facilissima da preparare! Il frutto fresco è delizioso, se raccolto al giusto gradi di maturazione e se coltivato con sapienza, ma le sue caratteristiche organolettiche sono legate a una serie di molecole volatili particolarmente sensibili al riscaldamento. Inoltre, sebbene abbiano un profumo molto invitante e delicato, gli oli essenziali presenti nelle vescicole della buccia degli agrumi hanno un gusto amaro e decisamente indesiderato in una marmellata di qualità.

Per questa ragione diciamo che preparare una buona marmellata di arance può risultare difficile, se non si sa come gestire i vari parametri che influiscono sul processo di produzione. Preparare un'ottima marmellata di arance, invece, è decisamente un'arte!

Noi usiamo un procedimento frutto dell'esperienza della nostra famiglia, che comporta piccoli accorgimenti in merito al tempo di aggiunta degli ingredienti e al dosaggio, che fa sì che la miscela degli aromi sia proprio quella che i nostri clienti amano e per la quale continuano ad ordinare il nostro prodotto.

Vai al carrello elettronicoVai al carrello elettronico

Qui di seguito suggeriamo un preocedimento che potete seguire a casa se avete voglia di mettere alla prova la vostra abilità in cucina.

La descrizione della preparazione della marmellata di arance fatta in casa che riportiamo di seguito è ispirata a quella pubblicata sul sito ricettedellanonna.net, che vi invitiamo a visitare per ulteriori fonti di ispirazione gastronomica!

Il periodo migliore nel quale preparare questa ricetta va da novembre a febbraio circa, quando le arance fresche imbiondano i banchi della frutta nei mercati in giro per l'Italia. A causa del fatto che i residui dei pesticidi chimici usati in agricoltura si disciolgono facilmente nell'olio all'interno delle vescicole della scorza d'arancia quando i frutti sono attaccati ai rami, è assolutamente necessario essere sicuri di usare arance biologiche (o in ogni caso non trattate con i presidi chimici agronomici).

 

Il procedimento comincia dalla rimozione della scorza. Un vasetto per uso familiare si può ottenere partendo da 6 belle arance grosse e succose. Sbucciatene 3 facendo attenzione a non rimuovere anche la pellicola bianca (dal tono leggermente amaro) che ricopre il frutto al di sotto della scorza.Tagliate successivamente la buccia formando striscioline sottili che metterete da parte per usarle in una fase successiva.

Sbucciate anche le altre tre arance, ma gettate, stavolta, la buccia.

Tagliate a pezzi la polpa di tutte e 6 le arance. Rimuovete con cura i semi e la porzione esterna filamentosa degli spicchi.

Raccogliete quindi la polpa in una pentola d'acciaio e unite le striscioline di scorza che avevate preparato. Coprite il tutto con acqua e lasciate in infusione per una notte. La quantità d’acqua deve essere tale da coprire la polpa delle arance.

Il giorno successivo fate bollire la miscela per almeno 15 minuti.

 

Lasciate iraffreddare e pesate il composto ottenuto. Aggiungetevi lo stesso peso in zucchero. Mescolate bene fino al completo scioglimento dello zucchero senza riscaldamento.

A questo punto riposizionate la pentola sul fuoco e portate ad ebollizione. Lasciate cuocere la vostra marmellata di arance a fuoco dolce per circa un’ora da quando la miscela ha cominciato a bollire, avendo cura di mescolare di tanto in tanto onde evitare che la marmellata si bruci e si attacchi al fondo: la cosa causerebbe la sgradita formazione di un persistente gusto di bruciato, compromettendo irrimediabilmente il gusto elegante tipico della migliore marmellata di arance.

Saprete che la vostra marmellata è pronta quando essa avrà raggiunto la consistenza tipica del miele: mettendone un cucchiaino su un piatto e inclinando quest'ultimo, essa dovrà colare lentamente verso il basso e non scivolare o sgocciolare via.

 

Versatela dunque la marmellata di arance ancora calda in vasetti di vetro ben caldi, sterilizzati e ben asciutti.

Chiudete ermeticamente i vasi con un tappo a vite nuovo e lasciate che raffreddino capovolti, in modo che, in seguito al raffreddamento, al loro interno la pressione si abbassi formando il cosiddetto sottovuoto.

I vasetti si possono sterilizzare facendoli bollire per 15/20 minuti in acqua e facendoli poi asciugare in forno a 100 °C per 10 minuti.


Di seguito la scheda tecnica della nostra marmellata di arance:

Denominazione: Marmellata Arancia Bionda Bio
Ingredienti: *Arancia, *Zucchero di canna.
                      *Da agricoltura biologica.
Certificazione:  Biologico Controllato da Suolo & Salute S.r.l.
Modalità di consegna: vasetti di vetro da 50 g , da 230g e capsule utilizzate quelle con il flip in  
                                       modo da avere una maggiore sicurezza.
Durata prodotto e condizioni raccomandate di stoccaggio: circa 30 mesi dalla data di produzione
Temperatura di stoccaggio : dai 15- 22°C
Stoccare il prodotto in ambiente pulito, asciutto, non esporre la confettura a troppo calore  perché si rischia l’ossidazione in quanto non contiene antiossidante di sintesi.
Varietà di frutta utilizzata: Varietà nostrana proveniente dalla Sicilia.
Attrezzatura utilizzata per concentrare: bacinella di cottura sottovuoto, garantisce un prodotto che conserva inalterate le caratteristiche organolettiche.
Ph Marmellata: variabile da 3,5 a 3,8
Frutta utilizzata per 100g di prodotto 90g
Zuccheri totali per 100g di prodotto 65g
Dati nutrizionali calcolati su 100g :
Valore energetico: 261 Kcal- Kj1095
Grassi : 0,2 g  
Di cui acidi grassi 0g
Carboidrati: 67,8g
Di cui zuccheri 67,8
Fibra alimentare 1,4g
Proteine: 0,6g
Sale 8 mg
AROMI - COLORANTI - CONSERVANTI -ALLERGENI –- OGM : Assenti